22ma Giornata della Colletta Alimentare

  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare
  • 22ma Giornata della Colletta Alimentare

La colletta alimentare é un insieme di gesti.

Il primo è il gesto dei volontari, la loro presenza è una domanda a me:"tu ci credi che ci sono persone che oggi non hanno nulla per mangiare?"

Il secondo è dei benefattori che comprano dei generi alimentari e li affidano al Banco Alimentare, nel senso che si fidano che il Banco porterà questi alimenti a chi ha davvero bisogno di mangiare. Niente di nuovo, solo una nuova coscienza della propria avventura umana e un breve incontro con persone sconosciute di cui potersi fidare.

Praticamente un miracolo. Per questo è uno degli appuntamenti dell'anno che mi serve per vivere.

Testo di: Roberto Masi

Fotografie di: Denis Billi, Michele Carloni, Caterina Fiordi, Leonora Giovanazzi, Roberto Masi, Antonluca Moschetti, Antonio Naia e Matteo Reni

The food collection is a set of gestures.

The first is the gesture of the volunteers, their presence is a question to me: "can you believe that there are people who today have nothing to eat?"

The second is the benefactors who buy food and entrust it to the Food Bank, in the sense that they trust that the Bank will bring these foods to those who really need to eat. Nothing new, just a new awareness of your human adventure and a short meeting with strangers you can trust.


Practically a miracle. That's why it's one of the appointments of the year I need to live.

Written by: Roberto Masi

Pictures by: Denis Billi, Michele Carloni, Caterina Fiordi, Leonora Giovanazzi, Roberto Masi, Antonluca Moschett, Antonio Naia and Matteo Reni